Archivio mensile:febbraio 2016

Sforzi comuni per il gioco d’azzardo online

Si deve partire con il “piede giusto”: il gioco deve contribuire al benessere generale. Quindi, bisogna salvaguardarlo in modo che sia assolutamente lecito e che chi vuole giocare gratis nei casino online senza deposito debba essere certo di quello che fa. Tutto questo significa avere legalità. Il fenomeno del gambling online sta crescendo in modo esponenziale e, purtroppo, c’è un solido legame tra il suo aumento e le partite truccate. Ma non succede, come si crede, solo nel calcio, ma anche in altri sport dove i controlli sono più “leggeri”. È per questo che il gambling va particolarmente controllato, ma non osteggiato: ormai ci si è resi conto che proibire il gioco d’azzardo non ha i “ritorni” che uno pensa. Proibire, in generale, non è mai una buona idea, invece il controllo effettuato con determinazione e con regole “buone” è assolutamente positivo.

La maggior parte delle società di gioco online risiede in… paradisi fiscali dove non si pagano tasse e, sopratutto, dove non esiste una sorta di ridistribuzione delle risorse del gioco a livello sociale: vi è necessità di una direttiva europea in questo senso. È necessario avere accordi europei dato che il gioco online attraversa le frontiere e più che a livello nazionale andrebbe controllato a livello europeo visto che il gambling si trova dappertutto. Bisognerebbe portare avanti, si ribadisce, non il proibizionismo, ma soluzioni globali. Si potrebbe prendere esempio dalla black list dei Monopoli di Stato che inibisce i siti di gioco estero che non hanno concessione in Italia: è positivo perché c’è un controllo sugli operatori.

Il gioco d’azzardo rimane sempre discriminato

È inutile sottolineare quanto, nel tempo,il mondo del gioco d’azzardo lecito e quello dei casino online legali con certificazione aams ha dovuto subire dal cosiddetto “sociale benpensante”: tante discussioni, tante prese di posizione contrarie… ed anche tante discriminazioni. Non da ultimo quelle che gli istituti di credito, generalmente, non si vogliono impegnare ad investire in questo settore, malvisto in ogni caso da quasi tutti gli altri settori “sempre benpensanti”. Le banche non “azzardano” con il comparto del gioco visto che nello stesso “transita il malaffare” e, di conseguenza, i bancari che di malaffare non se ne intendono (poco, sopratutto dopo gli ultimi avvenimenti tipo la Banca Etruria), non vogliono aver nulla a che vedere con il mondo-gioco e ciò che gli gravita attorno.

A parte, però, gli istituti di credito non è da credere che anche i Comuni e gli Enti Locali usino “un peso e due misure” quando si tratta di un’azienda del gioco comparata ad un’azienda di qualsiasi altro settore: in effetti, prendiamo per esempio il Comune di Taino, in provincia di Varese, che stanzia 3mila euro annui per “aiutare” il commercio in generale, mentre “nulla” viene messo a disposizione per le sale slot e Vlt. C’è da dire che il gioco si trova in buona compagnia: infatti, stessa sorte seguono gli esercizi Compro Oro, Distributori Automatici, Sexy Shop o negozi per la vendita di armi che non avranno alcun sostegno da parte del medesimo Comune al quale,siamo certi, se ne accoderanno altri. Se non ci fosse da preoccuparsi, verrebbe veramente da ridere… siamo nel 2016 ed esistono ancora le demonizzazioni!

Matteo renzi torna a parlare di gioco d’azzardo

Questa volta, e non è certamente la prima, il nostro bel Premier ha alzato la voce in Europa ed “alto e forte” asserisce:”L’Italia non prende ordini da nessuno, basta lezioni dall’Europa” anche in relazione ai casino online aams consigliati. Questo dopo essere stato sollecitato dal Vice Presidente della Commissione Ue a “fare presto le riforme”. Matteo Renzi ha risposto in modo estremamente “piccato” continuando ad asserire che le riforme sono state fatte tutte e che forse era l’Europa a dover cambiare… Questo piccolo riassunto è indispensabile per sottolineare che va bene “farsi valere” per l’orgoglio del nostro Paese, ma che l’Italia ha ancora bisogno dell’Europa, sopratutto per quanto riguarda il mondo del gioco d’azzardo lecito.

Lì, le riforme continuano a sfuggire ed a farsi attendere e certamente quando il Premier “ha alzato la voce” in Europa non lo ha fatto per questo settore, ma per altri settori molto più di spicco e molto più importanti per il Paese! Per il gioco, invece, si dovrebbe assolutamente “collaborare” con l’Europa e prendere spunto magari da qualche altro Stato membro che abbia già legiferato con successo su questo settore. Forse, guardando più all’Europa si sarebbe potuto evitare di intervenire con norme al limite della sostenibilità ed al di fuori, sopratutto, di una ragionevolezza obbiettiva che, però, quando si parla di gioco, in Italia, ragionevolezza non lo è mai… è proprio un termine desueto. Ed anche guardare al mercato online europeo non avrebbe fatto male: ormai l’intera popolazione mondiale sta spostando il proprio interesse nei giochi in rete. Ma gli altri Stati Membri, come fanno?

Scopriamo il casino online di bet365 con licenza AAMS

Bet365 è una piattaforma vulcanica… ogni due per tre estrae “dal cilindro” una nuova idea che possa accontentare le esigenze dei propri utenti facendoli divertire e facendoli, anche, risparmiare. È un Casinò giovane, pieno di idee, che ntra nella lista di tutti i migliori casino online e sprizza gioia ed allegria ed i suoi giochi sono sempre lì, pronti, a schiacciare l’occhiolino ai consumatori ed a coinvolgerli in qualche iniziativa divertente. “Offre la casa” è una proposta che Bet365 “mette sul piatto”: un rimborso del 25% che viene riservato ai propri clienti che in questo modo ogni lunedì potranno scatenarsi nei giochi di qualsiasi tipo. In base al proprio programma di appartenenza relativo al Programma VIP del Casinò si potrà “agguantare” un bonus da 250 e fino a 1000 euro e questa proposta sarà valida, per tutti i lunedì, sino al 28 marzo 2016.

Il games bonus si applica su qualunque ammontare conseguito dal Banco in totale come esito dell’attività di gioco svolta e sono considerate le giocate piazzate su qualsiasi gioco del casinò online Bet365. Al fine di ricevere l’accredito del bonus occorrerà effettuare un trasferimento di almeno 50 euro ad una sessione di gioco durante il periodo della proposta “Offre la Casa”. I games bonus saranno assegnati con un tasso del 25% su quanto il Banco conseguirà dall’attività di gioco ed i giocatori in possesso del livello Bronzo ed Argento del programma fedeltà di Bet365 avranno la possibilità di ottenere un games bonus massimo di 250 euro, quelli del livello Oro potranno incassare un game bonus massimo di 1000 euro.